Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Senza Categoria’ Category

Travel with fantasy

 

Il Centro per la Pace e la Nonviolenza “Rachel Corrie” e l’Associazione per la Pace e e la Nonviolenza di Alessandria promuovono un concorso dedicato al tema “VIAGGIATORI DI PACE”.

Viaggiare è camminare verso l’orizzonte, incontrare l’altro, conoscere, scoprire e tornare più ricchi di quando si era iniziato il cammino. (Luis Sepúlveda)

Il viaggio era… com’è tipico anche ai nostri giorni di ogni viaggio fatto con intelligenza, una scuola di resistenza, di stupefazione, quasi un’ascesi, un mezzo per perdere i propri pregiudizi, mettendoli in contatto con quelli dello straniero.
(Marguerite Yourcenar)
Gli alunni sono invitati a riflettere sul significato profondo del viaggio, inteso non come una successione di luoghi da vedere e fotografare, ma come occasione di incontro con realtà e persone diverse, che ci può portare ad una migliore conoscenza di noi stessi, degli altri e del mondo che ci circonda.

Scarica il bando-del-concorso e la scheda di adesione.

Read Full Post »

20091112nanni-salio

Gli amici e le amiche del Centro Studi Sereno Regis di Torino comunicano addolorati la perdita del loro Presidente, Nanni Salio, avvenuta nella tarda serata di ieri, lunedì 1 febbraio 2016. Per tanti anni è stato infaticabile sostenitore della nonviolenza espressa in tutte le sue forme: dalla riflessione teorica alle manifestazioni di protesta contro la guerra, dalla raccolta di testi e documenti all’avvio di iniziative per la pace: convegni, proiezioni di film, incontri con testimoni…
Nanni è stato testimone di pace nei confronti di tutti e di tutte coloro che lo hanno incontrato: al Centro Studi o in occasione delle sue infaticabili visite presso gruppi e associazioni, in Italia e a livello internazionale.
Per chi lo ha conosciuto, al di là dell’ammirazione e del rispetto per la sua enorme preparazione teorica e per la sua coerenza, testimoniata in tante occasioni, resta nel cuore il calore della sua umanità, della sua modestia, della sua attenzione per tutte e tutti. Il gruppo di persone che hanno avuto la fortuna di essergli vicine, nel Centro Studi Sereno Regis, condivide un senso di gratitudine per l’accoglienza, il sorriso schivo, l’ascolto profondo con cui Nanni si è sempre rivolto a ciascuno e ciascuna, e anche per la sua fiducia incrollabile nella scelta della nonviolenza, nelle sue forme molteplici e creative, come possibilità privilegiata per vivere la propria vita e per operare nella collettività.
Il funerale avrà luogo giovedì 4 febbraio alle ore 15.30 presso il Cimitero Monumentale di Torino. La camera ardente sarà allestita all’Ospedale Gradenigo, in corso Regina Margherita 8 a partire dalle ore 14 di mercoledì 3 febbraio fino alle ore 14.45 del giorno successivo.
Le socie e i soci, le collaboratrici e i collaboratori aspettano quanti vogliano ricordare Nanni con un momento di saluto, condivisione e compresenza presso la sala Poli mercoledì 3 febbraio dalle ore 20 alle ore 22.
Su indicazione della famiglia di Nanni non fiori, ma donazioni al Centro Studi attraverso le consuete modalità.

Il Centro per la Pace e la Nonviolenza “Rachel Corrie” partecipa al cordoglio per la perdita di Nanni Salio, protagonista del movimento per la pace e la nonviolenza in Italia e non solo.

Read Full Post »

      image_woman

PENSA AGLI ALTRI                         
Mentre prepari la tua colazione, pensa agli altri,
non dimenticare il cibo delle colombe.
Mentre fai le tue guerre, pensa agli altri,
non dimenticare coloro che chiedono la pace.
Mentre paghi la bolletta dell’acqua, pensa agli altri,
coloro che mungono le nuvole.
Mentre stai per tornare a casa, casa tua, pensa agli altri,
non dimenticare i popoli delle tende.
Mentre dormi contando i pianeti, pensa agli altri,
coloro che non trovano un posto dove dormire.
Mentre liberi te stesso con le metafore, pensa agli altri,
coloro che hanno perso il diritto di esprimersi.
Mentre pensi agli altri, quelli lontani, pensa a te stesso,
e dì: magari fossi una candela in mezzo al buio.
                                                                          Mahmoud Darwish

Read Full Post »

lucaIeri ci ha lasciati Luca Rastello, che abbiamo incontrato per l’ultima volta il 6 giugno dell’anno scorso in occasione della presentazione del suo libro “I Buoni” organizzata dal Centro Rachel Corrie presso il Trulot a Roccagrimalda, ma che era stato con noi ad Ovada già nel 2011, quando aveva partecipato alla cerimonia di premiazione di Testimone di Pace.
Luca era un uomo semplice, generoso, aperto, colto e disponibile, con una straordinaria tempra di lottatore.
E’ stato anche uno dei più grandi intellettuali del nostro tempo, capace di scavare nel profondo con una onestà e un coraggio che lo portavano spesso ad assumere posizioni scomode. Nel Paese dove non si possono fare le rivoluzioni “perché ci conosciamo tutti”, Luca Rastello non ha fatto mai sconti a nessuno, neppure agli amici, neppure ai “buoni”, principalmente perché era severo prima di tutto con se stesso.
Concordiamo con chi lo ha paragonato a George Orwell per la sua onestà intellettuale e per la capacità di analizzare e denunciare la pericolosità della lingua quando diventa strumento di manipolazione e di asservimento, ed è anche per questo che da ieri ci sentiamo di vivere in una Italia più povera e più buia.
Abbiamo raccolto tre significativi ricordi di Luca Rastello – di Goffredo Fofi, Giuliano Santoro, Nicole Janigro – in un unico documento, che potete aprire qui.
Un pensiero affettuoso va alle figlie Elena ed Olga, a Serena e a Monica.

Centro per la Pace e la Nonviolenza “Rachel Corrie”, Ovada, 7 luglio 2015.

http://www.centropacecorrie.it/

Read Full Post »

25 APRILE
La chiusa angoscia delle notti, il pianto
delle mamme annerite sulla neve
accanto ai figli uccisi, l’ululato
nel vento, nelle tenebre, dei lupi
assediati con la propria strage,
la speranza che dentro ci svegliava
oltre l’orrore le parole udite
dalla bocca fermissima dei morti
“liberate l’Italia, Curiel vuole
essere avvolto nella sua bandiera”:
tutto quel giorno ruppe nella vita
con la piena del sangue, nell’azzurro
il rosso palpitò come una gola.
E fummo vivi, insorti con il taglio
ridente della bocca, pieni gli occhi
piena la mano nel suo pugno: il cuore
d’improvviso ci apparve in mezzo al petto.

                                                   Alfonso Gatto

 

Read Full Post »

2015

Read Full Post »

gaza

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: